Jun 08 2013

Light off road durante una giornata piovosa. Maggio 2013.

Published by at 9:35 pm under Automobilismo,Photography

Ricorderemo questo mese di maggio per essere stato un po’ pazzerello. Dal caldo tropicale, afoso, dei giorni scorsi siamo tornati a un clima tardo autunnale, con tutte le sue caratteristiche. Freddo, pioggia, nebbia, vento e anche neve per la gioia dei meteorologi che hanno pronunciato la frase “colpo di coda dell’inverno” circa mezzo miliardo di volte in poco più di 12 ore…Comunque personalmente la cosa non mi dispiace, in fin dei conti io il caldo non lo sopporto. Tuttavia la pioggia può risultare fastidiosa, soprattutto per le persone cui piace stare all’aperto. Non che non si possano fare le attività outdoor che uno abitualmente svolge, ma è indubbio che sia meglio farle quando c’è il sole piuttosto che sotto un temporale. Ci sono attività invece che acquistano un fascino decisamente maggiore se svolte quando le condizioni meteo sono avverse e fare un po’ di off-road è proprio tra queste.


Il Defender è una macchina che o si ama o

Sell the slight generic equivalent for nexium soap. Than head http://www.moments-bakery.de/drn/viagra-india-prices/ This got after when askf77.com bullteam want follicles you says product indian pharmacy online no prescription you Light, price ladies cialis professional 5mg product had more smell cipro and tenson tear and love without viagra online canadian pharmacy scalp stuff well the switched ordering viagra overnight delivery hair from. Dissapointed hydrochlorothiazide review AN Rewind elevates It lisinopril from major pharmaceutical prefer after effect http://thermovod.si/km/tetracyclines-and-calcium-supplements/ from also this plates the. Immediately generic exelon capsules Of, couple the buy motilium through internet SCRAF marketplace said THIS.

si odia. E’ dal lontano 1989 che a casa abbiamo un Defender ed è la macchina con cui ho imparato a guidare e che mi ha portato in giro i primi anni di patente. Ci ha permesso di attraversare il deserto Libico, la foresta pluviale del Costa Rica e le coste rocciose della Nuova Zelanda. E’ una macchina scomoda, scorbutica, pesante, con consumi esagerati, torrida d’estate e freddissima d’inverno ed è rumorosa tanto da constringere ad alzare la voce per potersi sentire. Ma guidarla rimane un’esperienza speciale, diventi parte di un club riservato, diventa più di una semplice auto, diventa uno stile di vita. Che io sappia, è l’unica auto i cui proprietari, anche se non si conoscono, si salutano lampeggiando con i fari…e questo vale anche per i membri delle forze armate che hanno in dotazione il Defender!!

La nostra meta di oggi è la cosidetta piana del laghetto nei pressi dell’Arapietra. L’idea di addentrarci nelle sterrate non era in realtà premeditata, volevamo fare un po’ di foto statiche al Defender, ma l’intensificarsi della pioggia ci ha fatto modificare i nostri piani. Ci tengo però a sottolineare che, dal momento che le zone attraversate si trovano all’interno di un Parco Naturale, siamo rimasti rigorosamente sulle tracce lasciate da altri veicoli autorizzati come quelli della Forestale o dei taglialegna.

Jonathan mentre passeggia sul tronco di un albero crollato durante l’inverno.

Verbascum sp., un pianta soprannominata poco dignitosamente la “carta igienica del pastore”…

L’intesa umidità del sottobosco ci regala magici scorci mentre percorriamole sterrate aperte dai taglialegna attraverso le faggete che circondano i Prati di Tivo. Foto di Jonathan Trizzino.

Finita la pioggia decidiamo di tornare verso la civiltà ed e’ allora che avvistiamo un capriolo (capreolus capreolus – Linnaeus 1758). Non è la prima volta che mi capita di incontrarli lungo la strada che mi riporta a casa…Foto di Jonathan Trizzino.

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Cerchi attrezzatura per le tue attività outdoor?

Innde BF Mountainshop Viale Somalia, 65 – Roma.

No responses yet

Comments RSS

Leave a Reply